Culto

1
Adeguamento Chiesa Santa Maria Assunta
Scacciano di Miasano Adriatico
2
Nuovo spazio per l'Assemblea Liturgica
Concorso

 

1
Adeguamento Chiesa Santa Maria Assunta
Scacciano di Misano Adriaatico

Progetto
Arch. Marino Bonizzato


... la strada che un tempo/univa il paese/è
ferro rovente/rumore assordante/

che scolla e divide/la gente
... si chiude/ben dentro le case

... la chiesa allor s'apre/cercando, credente,
/di riequilibrare/un mondo che cade ...


chisa di scacciano

Planimetria Genarale


Il Progetto di Massima per l’adeguamento della Chiesa di Santa Maria Assunta di Scacciano sviluppa in modo coerente il Progetto di Idee elaborato nel giugno 2004,  la cui Relazione s’intende qui richiamata, in particolare nei punti 1 (premessa), 2 (problematiche e disponibilità economiche), 3.1 (il progetto di idee) e nelle parti , sempre del punto 3, in cui non si tratta specificamente della Chiesa (asilo, sala riunioni, casa per anziani, sala polivalente, biblioteca …)

chisa di scacciano

Pianta Cripta


Il Progetto di Idee è stato presentato e valutato positivamente sia in sede parrocchiale che presso la Curia e l’Amministrazione Comunale.
chisa di scacciano

Pianta Piano terra


La Chiesa-scrigno, dunque, si aprirà, entrerà in contatto, comunicherà con la città, con la natura, con il mondo che scorre, rappresentando e esprimendo la verità che custodisce devotamente all'interno dello spazio ecclesiale più intimo e sacro.

chisa di scacciano

Prospetto

chisa di scacciano

Vista Laterale

Questo spazio interno, mai definito una volta per tutte e sempre in sintonia con i tempi, non potrà restare indifferente a quanto accade fuori, alla realtà vissuta dall'assemblea celebrante; viceversa questa realtà dovrà poter continuare a trovare in questo spazio tutti i valori della Chiesa, in modo da poterne sempre ricavare insegnamenti per vivere il mondo che cambia.
chisa di scacciano

Sezione Longitudinale

chisa di scacciano
Sezione Trasversale

L'architettura, quindi dovrà parlare, trasmettere, interloquire con i fedeli e gli ospiti accolti al suo interno, rinnovando nei limiti del possibile il suo linguaggio e dovrà rappresentare ancora una volta in modo esemplare e attuale il mistero divino.
chisa di scacciano
Viste del plastico di studio
chisa di scacciano
Viste del plastico di studio

 

2
Nuovo spazio per l'Assemblea Liturgica
concorso - secondo premio

Progetto

Arch. Marino Bonizzato (capogruppo)
Arch. Angelo Semprini
Consulente
Don. A. Magnani

Si è cercato di ideare una forma di chiesa ambientata in una città a svippo industriale; si è resa la chiesa partecipe della vita intensa della città, portando il flusso pedonale di questa particolare ed ipotetica zona a lambire e a penetrare lo spazio della chiesa. la «Via Ecclesialis» (strada pedonale di collegamento fra due arterie cittadine) permette il valido inserimento dello spazio dell'assemblea liturgica nel cuore di una comunità viva ed operosa. 
La chiesa viene inserita in un contesto sociale cd urbano moderno; è incassata nel terreno sotto il piano di campagna; è ripartita nei suoi elementi interni secondo validi criteri teologici e liturgici.
Si attua così una vera unità differenziata fra sacerdoti e laici impegnati nella preghieia pubblica: sano rimarcati i punti nevralgici della Parola tivelata, dc1l’Eucaristia fondamento dell’unità cristiana, della storia della salvezza che ha nel sacramento del battesimo e in quello della penitenza cardini basilari. 
concorso chiesa
Pianta Piano Aula Assembleare

Lo spazio assembleare nella nostra strutturazione trova e fa trovare posto per tutti (celebrante, suoi collaboratori, popolo cristiano), per i compiti e per i ruoli di ciascuno; possono muoversi processionalmente in molte direzioni, da soli, in gruppi, in massa, senza confondere la propria funzione, senza disturbare l’altrui preghiera. L’assembla non viene frantumata, ma in una razionale diversificazione è accordata e si sente partecipe ad un’azione collettiva e corale. 
Il popolo di Dio in cammino verso l’Eterno ha nell’assemblea liturgica non solo la tenda in cui si ripara, ma anche la fonte di vita alla quale si ferma di buon animo, l’oasi in cui si ristora, il crocevia dei migliori propositi e dei validi ripensamenti. 
Nel presbiterio sono stati ideati posti per coloro che
«fanno» il sacrificio divino. I movimenti dei diaconi, dei concelebranti e del celebrante sono collegati al «posto fissato», ma nel rispetto delle norme liturgiche.
Ciò dicasi anche per i ministranti. 
concorso chiesa
Pianta Piano Aula Assembleare

Il presbiierio è articolato su elementi dinamici, che collegano i concetti della « liturgia di iniziazione » 
Battesimo-Eucaristia) con quelli della «liturgia della parola», ponendo in misurata lieve penombra il luogo della conservazione dell'Eucaristia, accentuando invece il lungo ove i «facitori del misteto» siedono, presiedono, si muovono, si pronunciano, si rivolgono all’assemblea. 
La chiesa, come risulta chiaro dalla sezione, è cirmondata dal giardino in un clima di raccoglimento e di distacco ideale dall’ambiente esterno, ma non di separazione.Li chiesa è concepita come fatto urbanistico inserito efficacemente nel contesto urbano. In questa cornice si è esaltato il valore e la funzione della «Via Ecclesialis» , mentre si è ridotto di conseguenza il significato dell’atrio.La «Via Ecclesialis» si aggancia ai percorsi pedonali (marciapiedi) che lambiscono l’area su cui sorge la chiesa. 
concorso chiesa
Pianta della Via Ecclesialis

La «Via Eculusialis» si articola in varie zone di sosta all’aperto (prospettanti sul giardino della chiesa) e in zone al coperto che, prospettando sull’aula, entrano praticamente a far parte dello spazio della chiesa. 
Poichè la processione introitale ha inizio dalla «Via Ecclesialis» — che costituisce come si è detto la cerniera di collegamento con la realtà urbanistica esterna — gli atri, al piano dell’assemblea, sono misuratissimi; le proporzioni dei vari accessi sono rispettare; dalla «Via Ecclesialis» i fedeli scendono alla chiesa in diversi modi, quasi con la possibilità di scelta nei propri gusti, almeno quando per ragioni sufficienti non sono partecipi della processione introitale.Il presbiterio, il fonte battesimale e il piccolo altare per la conservazione dcll’Eucaristia, data la loro evidenziata posizione costituiscono clementi dominanti, chiaramente delineati e ben visibili dai fedeli, i quali possono trovare in una visualizzazione molto collegata e significativa i punti-chiave della storia della salvezza dell’uomo.Nella tavola qui a lato è stata messa in evidenia la perfetta visibilità, da tutte le parti della chiesa, dei quattro punti più importanti (battistero, altare maggiore, sede, altare minore). 
concorso chiesa
Sezione

E' implicito che tutte le parti interposte fra questi punti sono egualmente ben visibili. 
Per la visibilità ci si riferisce inoltre alla sezione trasversale in cui appare più chiaro il rapporto visivo intercorrente tra i fedeli (posti sia nell’aula che sulla Via Ecclesialis) e i centri di interesse. 
Per quanto riguarda l’efficienza acustica dell’ambiente, sempre riferendoci alla succitata sezione, si fa notare come la stessa forma ed orientamento della copertura renda possibile la esaltazione della voce dei celebranti e del coro.
concorso chiesa

Pianta Copertura